I nostri soci… onorari e benemeriti



Questo slideshow richiede JavaScript.

Forti emozioni si sono vissute, ieri sera, nel corso di una conferenza organizzata dall’Associazione Nazionale Marinai d’Italia presso la sua sede di via Muzio Sforza, 33/A intitolata “I nostri soci… Onorari e Benemeriti”, con la quale si sono concluse le celebrazioni per il 50° Anniversario dalla costituzione del Gruppo di Monopoli (oggi guidato dal Presidente Martino Tropiano).

Mentre i soci onorari Gentile Antonio ed Alba Raimondo non ci sono più, tra i soci benemeriti ancora in vita, oltre a Francesco Alba (già Sindaco di Monopoli), ci sono i valorosi uomini in forze alla marineria monopolitana che, ormai 45 anni fa, si prodigarono nelle operazioni di soccorso e salvataggio durante il naufragio dell’Heleanna, il traghetto greco che, sulla tratta Ancona-Patrasso, si incendiò il 28 agosto 1971, a causa di un incendio divampato a poppa, dalle cucine, mentre si trovava a 25 miglia nautiche a nord di Brindisi e a 9 miglia nautiche a largo di Torre Canne, provocando 41 vittime: 25 morti e 16 dispersi di diversa nazionalità (tra cui italiani, francesi e greci) e circa 270 feriti (molti dei quali, ricoverati presso l’ospedale “San Giacomo” di Monopoli).

Ciò valse alla città di Monopoli il riconoscimento della Medaglia d’Argento al Merito Civile.

Civetta Mari, Danese Raffaele e Tarantino Cosimo furono nominati soci benemeriti dal 23 settembre 1971 in virtù delle seguenti motivazioni comunicate dalla Capitaneria di Porto di Bari alla Prefettura:

  • Marinaio Civetta Mario nato a Monopoli il 16 marzo 1943 ed insignito della onoreficenza di “Cavaliere Ufficiale della Repubblica”, faceva parte dell’equipaggio del Motopesca “LAURA” che pescava in zona al momento del sinistro. Allorquando il comandante notò le fiamme che si sprigionavano dalla M/n Heleanna, diresse il motopesca in direzione della nave in fiamme e in vicinanza di questa, con l’aiuto dei marinai, iniziava l’opera di soccorso dei naufraghi provvedendo alla raccolta di centinaia di essi trasbordandoli su mercantili presenti in zona. Il motopesca rientrava nel porto di Monopoli con 40 naufraghi a bordo.
  • Capobarca Danese Raffaele nato a Monopoli il 6 gennaio 1931 ed insignito della onoreficenza di “Cavaliere Ufficiale della Repubblica”; faceva parte dell’equipaggio del Motopesca “ANGELA DANESE” in navigazione da Brindisi a Monopoli, appena notata la nave in fiamme, dirottò per la zona el sinistro partecipando alle operazioni di ricerca e soccorso dei naufraghi. Entrava nel porto di Monopoli con una salma a bordo.
  • Capobarca Tarantino Cosimo nato a Monopoli il 30 settembre 1937 e insignito della onoreficenza di “Cavaliere della Repubblica”; membro dell’equipaggio del motopesca “NUOVO VITTORIA” che alle ore 07:30, appena avuta notizia del sinistro occorso alla motonave greca “Heleanna”, partiva dal porto di Monopoli per raggiungere il luogo del sinistro partecipando alle operazioni di soccorso dei naufraghi. A conclusione delle operazioni di recupero, il motopesca si dirigeva verso il porto di Brindisi con 40 naufraghi a bordo.

Tra loro, anche il motorista Rocco Comes (padre del nostro socio Francesco Comes), nato a Monopoli il 4 maggio 1930, insignito della onoreficenza di “Cavaliere della Repubblica”, membro dell’equipaggio del Motopesca “Madonna della Madia” che, al momento del sinistro, pescava in zona. Si dirigeva subito verso la nave in fiamme e prontamente interveniva per soccorrere i naufraghi, raccogliendone un gran numero e trasbordandoli sulle navi mercantili subito dopo intervenute.

Sulla Tragedia dell’Heleanna sono state proiettate immagini inedite, tra cui diverse testimonianze e l’intervista al Comandante della nave.

Nel corso della serata (moderata dalla giornalista Paola Calabretto, Responsabile della Comunicazione), in cui è stato reso noto l’elenco dei soci onorari e benemeriti reperito dal Delegato Regionale ANMI per la Delegazione Puglia Settentrionale e Basilicata Cav. Gesumino Laghezza, che ha altresì spiegato come si arriva alla loro nomina, ai soci Cosimo Altamura, Vito Di Palma, Antonio Ostuni Pinto, dott. Rosario Multari, Martino Barbarito, Grazio Menga e Vito Biasi è stato consegnato un Attestato di Benemerenza per gli anni di attività trascorsi al servizio dell’ANMI.

Per l’occasione, sono intervenuti il Sindaco Emilio Romani, il Vice-Sindaco nonchè Assessore allo Sviluppo Economico e socio dell’ANMI di Monopoli Giuseppe Campanelli ed il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli, il T.V. (CP) Salvatore De Crescenzo, che ha consegnato ai Marinai d’Italia il nuovo calendario 2017 della Guardia Costiera.



 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *